Centro per la Cultura
Samstag, 04/12/2021 - 20:30 Uhr

Noche de tablao

Sipario Amico

Il baile, la chitarra, il cajon e una voce: è il flamenco!! dove musica, danza e cante dialogano nella loro forma tradizionale per accompagnarvi all´interno di un tablao andaluso di lorquiana memoria. Con Federica Copetti e Hildegard Campidell (danza), Ivana Zanini (voce), Marco Perona e Maurizio Quartana (chitarre), Manny Pardeller e Tony Colangelo (percussioni). Entrata libera. Posti limitati. Accesso secondo la normativa vigente anti Covid-19

MARCO PERONA si avvicina al Flamenco nel 1995, inizialmente attraverso lo studio del baile, apprendendo gli specifici meccanismi che regolano il rapporto fra musica e danza e nel 1999 abbandona la danza per dedicarsi esclusivamente alla musica.
Accompagna svariati seminari di baile in Italia e in Spagna, diventa direttore musicale della Compagnia ArteyFlamenco di Torino e dal 2004 è chitarrista e co-autore delle musiche per la Compagnia Flamenquevive.
Compone musiche per il teatro e per la danza contemporanea e nel 2010 avvia una serie di fortunati concerti con il Quartetto Alboreo e con la stessa formazione registra il cd ‚Bajocuerda‘.
La voglia di esplorare nuovi orizzonti musicali lo porta a suonare in diverse formazioni e nel 2012 pubblica con il Collettivo Decanter ‚Aria Con Da Capo‘ per l’etichetta Dodicilune.
Sempre nel 2012, l’incontro con il chitarrista Francesco De Vita crea le basi per la nascita di ‚Misticanza‘ e la pubblicazione del cd autoprodotto ‚Oltre‘.
Nel 2018 il secondo disco con il Collettivo Decanter ‚Emilia d’Hercole‘ per la Visage Music.

FEDERICA COPETTI Inizia lo studio del flamenco nel 1997 a Verona con la maestra Maria Jose Leon Soto. Si perfeziona a Madrid e Siviglia in accademia con i maestri Timo Lozano, Paco Romero, Angel Atienza, Maribel Ramos, Carmen la Talegona . Da tre anni ha intrapreso un percorso di studi coreografici con la coreografa Eva Moreno. Insegna a Udine flamenco e danza classica.

IVANA ZANINI si avvicina al Flamenco nel 2003 con il baile con Manuela Baldassarri “La Malita”, studia in Spagna a Siviglia, Jerez de la Frontera e Granada. Nel 2015 scopre la passione per il cante e da lì inizia il suo percorso di studio con diversi maestri tra cui Josè Salguero, Melchora Ortega, Alba Guerrero; nel 2018 studia alla Fundacion Christina Hereen a Triana. A Milano conosce Jeromo Segura con cui ha intrapreso un percorso di studio dal 2019.

HILDEGARD CAMPIDELL, appassionata di Flamenco, si avvicina nel 2005 al baile con Manuela Baldassarri “La Malita”, studia in Spagna a Siviglia e Granada.

MAURIZIO QUARTANA, appassionato di chitarra sin da giovane, autodidatta, il suo percorso musicale passa attraverso il blues, la musica elettronica con i Near to Zero, la rumba con i Mariachi Punch di cui è anche coofondatore, dal 2010 circa si interessa al Flamenco tradizionale, e partecipa a workshop in Spagna con Mariano Martin, el Carbonero, Pepe del Morao.

MANNY PARDELLER, appassionato di musica a 360 gradi, il suo percorso musicale passa attraverso il blues, il rock, il jazz, il folk, ecc. Nel 2009 fonda il gruppo Mariachi Punch, con cui incide un disco in cui si fondono sonorità folk sudtirolesi e spagnole.Indirizza la sua attenzione sia alla musica elettronica e sperimentale come anche alla collaborazione con artisti di estrazione diversa nei gruppi eseleptitun, Kolzano, mebo. La sua ricerca musicale è sempre in evoluzione.

TONY COLANGELO, da sempre appassionato di percussioni, rimane affascinato dal cajon flamenco nel 2006. La sua formazione, prevalentemente autodidatta, si deve inoltre all’accompagnamento di numerosi stage e spettacoli di vari artisti del panorama flamenco italiano e spagnolo. Nel 2010 partecipa in particolare al seminario Internazionale di Cajon, tenuto a Sant Boi de Llobregat (Barcellona), studiando con i maestri EL Cepillo, Lucky Losada, Jose Carrasco, Agustin Diaz, Arcangel, Aziz Khodari, Sergio Ramos. È autore e regista del documentario “Flamenco y vino: una unica esencìa, un unico espiritu” selezionato al IX° Ciclo de Cine y Flamenco organizzato dall’Istituto Andaluz del Flamenco de Sevilla e dal Centro de Iniciativas Culturales de la Universidad de Sevilla. nel dicembre 2010 è cofondatore dell’associazione Flamenco Miel y Limón di Trento.